Attualità

Storie di pietra | Pavé Milano

Cuasso al Monte, anni 1920.

Da circa un ventennio in Val Ceresio si producevano a pieno ritmo i masselli da pavimentazione di Porfido Rosa, detti anche “Pavé Milano”.

 

Nel 1900 infatti il Comune di Milano assegnò la concessione all’esercizio delle cave di Cuasso al Monte allo scopo di ricavare materiale pregiato e resistente per pavimentare la città.


Questa concessione venne conferita alla “Società cooperativa lombarda per lavori pubblici e imprese agricole” la quale attrezzó le cave di Cuasso al Monte ed avviò la produzione del “Pavè Milano”.

 

Uno dopo l’altra, pietra dopo pietra, ciascuna lastra di Porfido Rosa era lavorata a mano. Dalle numerose cave di Cavagnano e Cuasso al Monte, i masselli di “Pavé Milano” raggiungevano la pianura di Porto Ceresio via teleferica. Da qui arrivavano a Varese o Milano su ferrovia.

 

Dopo oltre un secolo quello stesso pavè di Porfido Rosa pavimenta ancora oggi numerose strade sfidando tempo e usura.
Ad esempio le vie più centrali di Varese, come Corso Matteotti, piazza del Podestà, via del Cairo o piazza XX Settembre. Oppure luoghi simbolo di Milano come piazza della Scala, corso di Porta Ticinese, piazza Degli Affaripiazza Sempione.


Esempio di sostenibilità dal passato

All’inizio del ‘900 l’utilizzo del Porfido Rosa della Val Ceresio fu una scelta a chilometro zero per le cittá della regione.

 

Grazie alla sua resistenza veniva posato solamente con materiale naturale, senza alcun legante artificiale, cementizio o bituminoso.

 

I lastricati di Porfido Rosa hanno resistito per oltre un secolo sotto l’azione del traffico e del clima. Dopo 100 anni, anche quando vengono rimossi da alcune vie, acquisiscono nuova vita. Infatti questi lastricati di pietra naturale vengono riutilizzati per nuove pavimentazioni pedonali o carrabili, in un ciclo potenzialmente eterno, senza porre alcun problema di smaltimento.

 

Se posati correttamente sono infatti in grado di continuare a rispondere alle esigenze di utilizzo ancora per moltissimo tempo.


La produzione ai giorni nostri

Dopo oltre un secolo la produzione di pavé prosegue ancora ai giorni nostri nelle cave di Porfido Rosa in Val Ceresio.

 

La lavorazione dei lastricati di pietra naturale oggi è supportata e resa più sicura ed efficiente grazie ad appositi macchinari ed alla strumentazione a controllo numerico.

 

Alla finitura grezza spuntata o a spacco di un tempo, si sono via via affiancate finiture più idonee alle esigenze architettoniche e alle destinazioni d’uso attuali. 

Anche i formati son stati adattati alle necessità odierne, sia per facilitare la posa, sia per ottimizzare l’uso della pietra. 

Tutte le lavorazioni nelle cave di Porfido Rosa avvengono oggi con attenzione sempre crescente nei confronti della sostenibilità, dell’utilizzo ottimale delle risorse, del recupero e della compensazione ambientale.

 

Lo stile “Vecchia Milano” vive e si adegua fondendosi nello stile “Nuova Milano”.

Produzione Pavé Milano, anni 1920
Produzione Pavé Milano, anni 1920
Varese | Piazza Podestà
Varese | Piazza Podestà
Varese | Corso Matteotti
Varese | Corso Matteotti
Milano | Piazza della Scala
Milano | Piazza della Scala
Milano | Colonne di San Lorenzo
Milano | Colonne di San Lorenzo
Milano | Corso di Porta Ticinese
Milano | Corso di Porta Ticinese
Milano | Montenapoleone
Milano | Montenapoleone
Milano | Piazza Belgioioso
Milano | Piazza Belgioioso
Milano | Via Verdi, Via Manzoni
Milano | Via Verdi, Via Manzoni
Milano | Via Meravigli
Milano | Via Meravigli
Pavé Milano
Pavé Milano
Cave Bonomi

Cave Bonomi Sagl


Via Lischedo 9
CH-6802 Rivera
Svizzera


E: info@cavebonomi.ch
T: +41 91 210 24 40

Cave Bonomi Srl


Via Castello 4
I-21050 Cuasso al Monte
Val Ceresio, Varese


E: info@cavebonomi.it
T: +39 0332 92 90 52



Svizzera

Torna su